Tende motorizzate e sensori climatici per tende:
come funzionano e come sceglierli

Tende motorizzate e sensori climatici per tende:
come funzionano e come sceglierli

Le tende motorizzate consentono la loro apertura e chiusura senza fatica, semplicemente premendo un pulsante del telecomando o del comando a parete.

La motorizzazione delle tende, oltre ad esse comoda, fa sì che anche anziani e bambini possano chiuderle con rapidità e sicurezza qualora ce ne sia bisogno, come al sopraggiungere di un forte vento o di un acquazzone.

tenda da sole motorizzata a bracci estensibili con barra quadra di rinforzo da gani tende in toscana

tenda da sole motorizzata a bracci estensibili con barra quadra di rinforzo RIF: TS253

 

Tende per esterni motorizzate

La motorizzazione è utilizzata soprattutto per: tende a bracci estensibili, tende a cappottina, tende a rullo, tende per pergole, veneziane e tapparelle.

tende esterni oscuranti cassonettate motorizzate gani tende

tenda da esterni oscuranti cassettonate e motorizzate RIF: TS245

In particolare sono consigliate per tende a bracci di grandi dimensioni (oltre i 3 metri) e/o posizionate in modo scomodo per la movimentazione manuale.

Similmente, è utile scegliere tende a cappottina motorizzate in quei casi in cui, per dimensione e/o posizione della cappotta, la movimentazione manuale è scomoda o faticosa (ad es. cappotte copri-finestra su piani alti).

Motori per tende da sole

Il motore può essere di 1a o 2a generazione, ovvero meccanico o radio.

I motori per tende di ultima generazione sono silenziosi, sono attivabili anche con telecomando e consentono degli ottimali srotolamento e tensione del telo, che aumentano la durata di vita della tenda.

Qualora manchi la corrente, sono disponibili motori con manovra di soccorso che consentono il movimento manuale tramite argano.

Le tende motorizzate Gani conservano linee pulite ed eleganti, perché il meccanismo è integrato nella struttura.

Alle tende a movimentazione manuale è possibile aggiungere il motore.

Ad ogni tenda corrisponde un motore “ideale”.  Per scegliere un motore per tende da sole è necessario considerare la tipologia di tenda (a bracci, veneziana etc.), la larghezza, la sporgenza, il numero di bracci e altri fattori come il diametro del rullo avvolgitenda. La scelta non è semplice ma lo staff di Gani saprà consigliarvi la soluzione migliore; inoltre l’estetica della tenda sarà preservata grazie a vari accorgimenti.

Un altro importante vantaggio delle tende motorizzate è che possono essere integrate con sensori che automatizzano il movimento.

Sensori climatici per tende da sole

Esistono diversi tipi di sensori climatici per tende che semplificano notevolmente la vita: sensore di vento, sensore di luce, e sensore di pioggia.

Anemometro o sensore di vento per tende da sole

Il sensore di vento si chiama anemometro e serve a chiudere automaticamente la tenda quando le raffiche superano un certo limite.

L’anemometro può funzionare in due modi: o tramite un sensore a ventola/a coppette che rileva la velocità del vento, o tramite un sensore di vibrazione che rileva le oscillazioni della tenda.

L’anemometro serve davvero?

Come menzionato in precedenti articoli, a ciascuna tenda è attribuita una certa classe di resistenza al vento; le tende in classe alta possono resistere a venti intensi tuttavia nessuna tenda può essere completamente anti-vento, in particolare (ma non solo) in caso di grandi dimensioni.

Non a caso il vento è la principale causa di rotture di bracci e telai e di strappi di mantovane e teli.

tenda rotta dal vento

Photo by Infrogmation of New Orleans

Una tenda da sole esposta a vento eccessivo può non solo subire danni al telo e alle parti meccaniche ma, se qualche pezzo “vola via”, anche arrecare danni a cose e persone. A Torino, ad esempio, una tenda da sole è volata in strada, danneggiando anche un’auto parcheggiata, come riportato da TorinoToday 

Anemometro: quando è necessario?

A incidere sulla necessità dell’anemometro ci sono modello, dimensione e sede di installazione della tenda.

Il modello che più necessita di anemometro è la tenda a bracci estensibili i quali, per quanto resistenti, possono subire danni per un vento eccessivo.

Cruciale è, poi, la dimensione della tenda. La forza che il vento esercita sul telo di una tenda ampia (oltre i 3 metri) è notevole. Persino se si è presenti si potrebbe faticare a chiudere manualmente una tenda esposta a forti raffiche. Per tende ancora più grandi l’anemometro è quasi irrinunciabile.

tenda a bracci di 6 metri motorizzata con telo a tinta unita grigio chiaro per balcone

tenda a bracci motorizzata di 6 metri RIF: TS127

Altro fattore è la sede in cui viene installata la tenda; ad esempio una tenda a bracci installata su un piano alto di un palazzo in una zona ventosa dovrebbe avere l’anemometro. Diverso il discorso di una tenda installata in un giardino e naturalmente protetta da altri elementi architettonici.

In sintesi: quando la tenda grande e/o installata in zone ventose è importante scegliere una tenda in classe di resistenza al vento elevata ma per stare davvero tranquilli bisogna installare l’anemometro.

Con una tenda con anemometro potrete uscire di casa lasciando serenamente le tende aperte: continueranno a proteggere la vostra abitazione o giardino, evitando il surriscaldamento estivo e, in caso di raffiche, si chiuderanno in tutta sicurezza. E se il sensore si rompe o viene a mancare l’alimentazione? In quel caso, per prudenza, la tenda si chiude.

Anemometro: comodità e sicurezza

Nel video che segue, un montatore di Gani collauda una tenda motorizzata con anemometro appena installata, simulando un forte vento tramite uno scuotimento manuale.

Poiché la tenda a bracci Gani è resistente, è stato necessario scuoterla con energia per attivare l’anemometro, impostato per l’opportuna soglia di vibrazione; quando la tenda si è chiusa, l’anemometro ha rilevato l’assenza di vento facendo riaprire la tenda.

L’anemometro di cui vedete il funzionamento nel video rileva le vibrazioni della tenda e la chiude quando è necessario. Può essere regolato su soglie di vibrazione diverse, ciascuna adatta ad una certo tipo di tenda.

Inoltre mantiene intatta l’estetica della tenda: installato sulla barra di carico terminale della tenda, questo anemometro non ha fili e si mimetizza con essa. Nel video è la sottile scatola bianca applicata sulla barra di carico terminale, sulla destra, l’avevate notata?

Sensore di luce per tende da sole

E’ possibile aggiungere anche un sensore di luce che fa aprire le tende in modo automatico se il sole raggiunge una certa intensità (e se non c’è troppo vento!).

Il sensore di luce è molto comodo perché schermerà l’abitazione o lo spazio esterno in modo automatico, senza necessità di intervento umano, garantendo la protezione solare anche quando siamo assenti o impegnati.

Un minor surriscaldamento solare comporta: maggior comfort nell’abitazione, protezione di tutti gli elementi suscettibili ai raggi UV (mobili in legno, parquet, rivestimenti, prodotti deperibili etc.) e ridotta necessità di condizionamento dell’aria, con conseguente risparmio energetico. Non a caso, l’Enea (Ente Nazionale Energia e Ambiente) riconosce l’importanza delle schermature solari per l’efficientamento energetico ed esse danno anche diritto all’Ecobonus.

Inoltre si proteggeranno quelle piante da esterno che soffrono un eccesso di sole, evitando che “si brucino”.

Come per motori ed anemometri, ci sono diversi tipi di sensori di sole per tende, dai più semplici ai più moderni. Ad esempio un sensore di sole di ultima generazione funziona senza collegamento elettrico e senza batterie ma grazie alla stessa luce solare che rileva!

tende a bracci con motore e tettino proteggitelo

tende a bracci con motore e tetto proteggitelo RIF: TS139

Pluviometro o sensore di pioggia per tende da sole

Infine c’è il pluviometro, ovvero il sensore di pioggia per tende da sole. Anche questo sensore è utilissimo, soprattutto in questo periodo storico che ci coglie alla sprovvista con intensi eventi atmosferici.

Il pluviometro per tende da sole evita che usciamo di casa oppure andiamo a dormire lasciando le tende aperte, trovando qualche “brutta sorpresa” quando rientriamo a casa o ci svegliamo.

A meno che le tende siano impermeabili antipioggia (estremamente resistenti ma anch’esse con dei limiti), è bene che le tende non si bagnino. Inoltre una pioggia forte potrebbe danneggiare significativamente sia il telo che le componenti meccaniche.

Il sensore di pioggia chiude automaticamente la tenda quando l’umidità supera una certa soglia permettendo di stare tranquilli.

Anche le compagnie assicurative riconoscono l’utilità del pluviometro per tende da sole; alcune saranno disposte a rimborsare il danno ma solo se, ovviamente, avete stipulato e pagato una polizza che copre questo tipo di danni!

Sensori climatici combinati per tende da esterni

E’ possibile avere più sensori (di vento, di sole e di pioggia) in un unico device. Questa centralina può essere abbinata a più tende motorizzate.

Nei modelli più completi è possibile attivare e disattivare singolarmente ogni sensore.

motore per tenda Somfy con anemometro e sensore per sole da Gani Tende Toscana

centralina con sensore sole e vento per tenda da sole a bracci RIF: TS232

 

Tende da sole motorizzate si o no?

A preferire le tende motorizzate sono tutti coloro che desiderano il massimo comfort nella propria abitazione o attività commerciale ma non solo.

Come già detto, per le tende da sole particolarmente ampie e sporgenti la motorizzazione è più di un “comodo optional” e diventa quasi irrinunciabile. Inoltre solo con la motorizzazione sarà possibile aggiungere uno o più sensori climatici.

Il più importante sensore climatico è quello di vento, in particolare per le tende da sole di grandi dimensioni e/o installate in posizioni sopraelevate e non protette da elementi naturali o architettonici. Del resto un’ampia tenda da esterni di qualità (quindi non costruita “chissà dove”, “chissà da chi” e con materiali di “cinesi”), non è un acquisto da pochi euro. L’anemometro tutelerà questo investimento (ma anche cose e persone!) evitando i danni causati dal vento.

Anche il sensore di pioggia è importante, perché le tende da esterni, a meno che non siano anti-pioggia, non dovrebbero essere esposte agli scrosci, soprattutto se intensi.

Infine il sensore di sole sarà il nostro impagabile alleato nella protezione della casa e del giardino e nel risparmio energetico.

Il motore e gli eventuali sensori climatici non sono una spesa, piuttosto sono un investimento perché consentono un utilizzo ottimale della tenda da sole, ampliandone le occasioni d’uso, preservandola dai danni e prolungando la durata sia del telo che delle parti meccaniche.

Inoltre la comodità del movimento a motore, magari automatico, eviterà preoccupazioni, migliorando relax e qualità di vita.

Vuoi ulteriori informazioni su motori e sensori climatici per tende? Compila il form contatti o contattaci in modo ancora più veloce e comodo su WhatsApp (339 3401813)!

Gani Tende