Detrazioni fiscali per schermature solari 2018 (Ecobonus 2018): come ottenerlo

Detrazioni fiscali per schermature solari 2018 (Ecobonus 2018): come ottenerlo

In questo articolo vogliamo spiegare in modo chiaro in cosa consistono le detrazioni fiscali per schermature solari del 2018 e come ottenerle, fermo restando che in caso di dubbi è bene consultare il proprio consulente fiscale.

Ti ricordiamo che le foto che troverai non sono “di repertorio” ma di vere realizzazioni di Gani per il suoi clienti. Per richiedere un lavoro simile, annota il codice di riferimento (RIF) per comunicarcelo.

Ecobonus per schermature solari: recuperi il 50%

La Legge di Bilancio 2018, approvata a dicembre 2017, ha confermato la possibilità di detrarre le spese per le schermature solari nella misura del 50% (Art. 1 DDL). Sono inclusi i costi di manodopera e di eventuali  necessarie opere murarie. La spesa può essere effettuata non solo per le nuove installazioni ma anche per sostituzioni complete.

Se l’intervento viene applicato alle parti comuni di un condominio o a tutte le sue unità abitative, il bonus fiscale va dal 65% al 75%.

Per aver diritto alla detrazione, bisogna rispettare determinate condizioni che spiegheremo in questo post.

Importi della detrazione per schermature solari

La detrazione può arrivare a 60mila € viene divisa in 10 importi annuali consecutivi quindi può raggiungere i 6mila € all’anno. Il limite massimo di detrazione è riferito all’unità immobiliare aggetto dell’intervento (quindi non a ciascun richiedente della detrazione, che potrebbe essere più d’uno).

Periodo della Spesa per Schermature Solari

La spesa per le schermature solari deve essere stata effettuata nel periodo compreso tra il tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2018.

Come funziona la detrazione fiscale per le tende?

Cosa significa usufruire di detrazioni? Alcuni non hanno dimestichezza con l’argomento per cui cercheremo di spiegarlo in modo semplice, nei limiti delle nostre possibilità.

Detrazione significa “onere di spesa sostenuto dal contribuente che dà diritto alla sottrazione di un importo dall’imposta dovuta” cioè significa che lo Stato “restituisce” a chi ha comprato schermature solari una percentuale dell’importo speso (nel 2018 è il 50%), togliendogliela dalle tasse da pagare.

Esempio. Un contribuente spende 6.000 € per l’acquisto e l’installazione di tende per la sua abitazione. Poiché la detrazione del 2018 è del 50% il contribuente può recuperare 3.000 €. La detrazione è suddivisa in 10 anni quindi 3.000/10= 300. Perciò ogni anno, per 10 anni consecutivi, il contribuente pagherà 300 € in meno di tasse, che torneranno nelle sue tasche, fino al totale di 3.000 €.

Motivi della detrazione per schermature solari concessa dal Governo

La detrazione per le schermature solari è stata approvata dal Governo per favorire il risparmio energetico, in virtù della loro capacità di migliorare le prestazioni energetiche dell’edificio su cui sono applicate.

Infatti le schermature solari riparano dall’eccesso di luce e calore, riducendo il surriscaldamento degli ambienti e dunque la necessità di ricorrere al condizionamento dell’aria. Inoltre favoriscono il comfort visivo perché eliminano riflessi e bagliori.

Le schermature solari possono apportare vantaggi anche d’inverno perché le chiusure oscuranti (persiane, avvolgibili etc.) riducono la dispersione di calore attraverso gli infissi (citando l’ENEA “queste esercitano la loro funzione di risparmio energetico essenzialmente nella stagione invernale, riducendo di fatto la trasmittanza della finestra a cui sono applicate.“).

Dal punto di vista economico, applicando delle schermature solari, non solo godrete della detrazione del 50% sull’importo speso ma risparmierete anche parte di elettricità e gas usati per rinfrescare e riscaldare l’unità abitativa.

Inoltre le schermature solari rendono più vivibili gli ambienti e proteggono dai danni che i raggi UV causano a persone e cose (es. stoffe, pavimenti e mobili in legno che possono sbiadire o cambiare colore, merci che si guastano etc.).

tenda a caduta a tinta unita con guide laterali in toscana

tenda a caduta a tinta unita con guide laterali RIF: TS15

Cosa si intende per schermature solari e quali caratteristiche devono avere per l’Ecobonus

Sono schermature solari i sistemi che, applicati all’esterno di una superficie vetrata trasparente, permettono una modulazione variabile e controllata dei parametri energetici e ottico luminosi in risposta alle sollecitazioni solari.

Le tipologie di schermature solari per le quali si può usufruire di questa agevolazione sono quelle elencate nell’allegato M del D.L. 311 del 2006, ovvero:

  • tende esterne come tende da sole, a rullo, da veranda, per serre, cappottine mobili (devono poter essere aperte e chiuse), veneziane esterne;
  • tende a bracci con tessuto a righe rosse e bianche per terrazzi

    tende a bracci con fantasia a righe per terrazzi RIF: TS317

  • chiusure oscuranti, ovvero persiane, tapparelle, veneziane, frangisole orientabili e altro tipo di oscuranti;
  • tende esterni oscuranti cassonettate motorizzate gani tende

    tenda da esterni oscuranti cassettonate e motorizzate RIF: TS245

  • tende tecniche da interni tra cui tende a rullo, tende plissettate e veneziane da interni;
  • veneziane in alluminio montate all'interno dell'infisso coordinate con il colore dello stesso

    veneziane in alluminio montate all’interno dell’infisso RIF: TC481

  •  zanzariere e tende anti-insetto solo se dotate di “fattore solare”, che ne definisca il grado di efficienza energetica e la classe di appartenenza e che rispetti i requisiti minimi indicati dal DM 26.06.2015. Questo avviene solo in una piccola parte dei casi.
  • zanzariera gani

    zanzariera da esterni RIF: TS113

  • pergole con tende in tessuto o con lamelle orientabili (bioclimatica);
  • pergola addossata per schermatura terrazza

    pergola addossata per schermatura terrazza RIF: SE116

Le schermature solari:

  • devono essere applicate a protezione di una superficie vetrata
  • possono essere applicate all’esterno del serramento, all’interno  o integrato in esso. Se non in combinazione con vetrate (ad es. nel caso di tende esterne aggettanti, ossia sporgenti) non si ha Ecobonus per quelle a nord, nord est e nord ovest; le chiusure oscuranti come persiane e avvolgibili possono avere qualunque orientamento.
  •  devono far parte in maniera stabile dell’involucro edilizio, quindi non possono essere spostate a piacere dall’utente;
  •  devono essere tende tecniche, dotate di una documentazione che ne indichi il fattore solare; spieghiamo cosa vuol dire: la scheda tecnica delle schermature solari riporta il fattore solare, identificato con la sigla Gtot. Il Gtot indica la protezione solare ottenuta dalla combinazione tra vetro e tenda applicata; ne derivano 4 classi: dalla 0 (effetto minimo di protezione solare) alla 4 (effetto massimo). Ne consegue che le tende chiamate “decorative”, ossia le tende di cui non è indicato il fattore solare, restano escluse.
  • devono essere mobili, quindi apribili e richiudibili, mentre sono escluse le soluzioni fisse o semi-fisse.

Quali edifici sono coinvolti nel bonus fiscale sulle tende?

Sono compresi tutti gli edifici già accatastati o in corso di accatastamento (quindi esistenti, non in costruzione), di qualunque categoria catastale, purché dotati di impianti di riscaldamento e in regola col pagamento degli eventuali tributi dovuti (Ici/Imu).

Sono compresi gli immobili strumentali destinati alle attività d’impresa o professionale, quali uffici, bar, negozi, ristoranti e alberghi.

tende per finestra bagno di attività commerciale

tende per finestra bagno di attività commerciale RIF: TC360

Chi beneficia della detrazione

A poter beneficiare della detrazione sono coloro che pagano l’Irpef (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) o l’Ires (Imposta sul Reddito delle Società ).

Per chi paga l’Iperf

Per quanto riguarda le persone fisiche (che pagano l’Irpef), può usufruire del bonus fiscale colui che è in alternativa:

  • il titolare di un diritto reale sull’immobile (quindi il proprietario o nudo proprietario anche non residente nell’immobile o colui che gode di un diritto reale di godimento dell’immobile);
  • un familiare convivente con il possessore (il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli
    affini entro il secondo grado, incluso il convivente more uxorio o unito civilmente);
  • l’inquilino;
  • chi detiene l’immobile in comodato;
  • i condòmini, che recuperano i soldi spesi per gli interventi sulle parti comuni; costoro possono inoltre cedere i loro crediti fiscali. Questa possibilità è utile per coloro che sono incapienti, ossia che hanno un reddito abbastanza basso da non pagare tasse. In tal caso potranno cedere il loro credito fiscale, come parte del corrispettivo da pagare, ai fornitori di beni e servizi che realizzano l’intervento energetico i quali devono accettare in forma scritta. Per realizzare la cessione, il condomino deve inviare comunicazione all’Agenzia dell’Entrate. Ciascun condomino può decidere in modo autonomo.  
La detrazione fiscale per le tende è applicabile per tutti gli acquirenti

Se, per un’unità immobiliare, gli acquirenti sono due o più, ciascuno potrà detrarre la somma che ha speso. Ad esempio se due comproprietari di un’unità immobiliare hanno speso 5.000 ciascuno, potranno recuperare 2.500 € a testa.

Ecobonus trasferibile

In caso di cessione dell’immobile (trasferimenti a titolo oneroso o gratuito della proprietà del fabbricato o di un diritto reale sullo stesso), quindi anche in caso di eredità, l’Ecobonus è trasferibile al nuovo titolare, salvo diverso accordo tra le parti. Resta invece in capo al conduttore, in seguito alla cessione del contratto di locazione o comodato.

tende da sole a caduta con braccetti per condominio RIF: TS273

Per chi paga l’ires

Tra coloro che detraggono l’Ires troviamo: i contribuenti che conseguono reddito d’impresa e che utilizzano l’immobile per l’esercizio dell’attività (quindi che non usano l’immobile come “merce”), le associazioni tra professionisti, gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale (ma che pagano l’Ires), gli istituti autonomi per le case popolari e gli enti che hanno le stesse finalità, costituiti ed operanti al 31 Dicembre 2013.

Procedura per beneficiare della detrazione fiscale

1) Anzitutto richiedere al venditore:

  • schermatura solare con marchio CE, con fattore solare (Gtot) certificato nella scheda tecnica e libretto d’uso e manutenzione;
  • fattura che riporta:

    – il nome del prodotto,

    – intestatario/i della fattura,

    – dimensioni del prodotto;

    – costo sia del prodotto che dell’installazione

    – la dichiarazione che la vendita avviene ai sensi delle L. 296/06 e seguenti; dichiarazione di conformità per «Schermature solari mobili ai sensi del D.L. 311/2006 allegato M.» e Ftot delle schermature

2) Pagare con “bonifico parlante”

Bisogna pagare con bonifico bancario o postale “parlante” (si tratta di un modello di bonifico apposito) il quale deve recare, come causale: il riferimento alla legge finanziaria 2007 (Schermature solari ai sensi della L. 296/06 e successive modifiche), i dati del beneficiario della detrazione (incluso codice fiscale), i dati del destinatario del bonifico (codice fiscale o P. Iva), quelli dell’immobile coinvolto (indirizzo), il numero e la data della fattura.

A questo bonifico la banca, in rispetto della legge, applicherà una ritenuta d’acconto dell’8% (questo significa che il beneficiario del bonifico, quindi l’azienda che ha venduto le schermature solari, otterrà un pagamento “decurtato” dell’8%. L’acquirente non subisce effetti dalla ritenuta d’acconto.).

3) Conservare la ricevuta del bonifico
4) Inviare i dati all’ENEA (Agenzia Nazionale Efficienza Energetica)

Entro 90 giorni dalla fine dei lavori bisogna iscriversi al sito dell’ENEA, inserire i dati necessari come il beneficiario della detrazione (codice fiscale, cognome, nome, comune e data di nascita, sesso; ) e compilare la scheda descrittiva dell’intervento, l’allegato F (es. ubicazione dell’immobile, superficie, tipo di impianto termico, esposizione della tenda etc.).

I dati necessari sono indicati in questa pagina preparata dallo staff di Gani. In seguito all’invio si avrà una ricevuta da conservare.

Gani vuole facilitare ulteriormente le cose per i suoi clienti: sarà il suo staff a gestire la pratica per l’ENEA a costo zero! 

5) Conservare i documenti e portarli al proprio consulente fiscale

Tutti questi documenti (ricevuta ENEA, copia dell’allegato F dell’ENEA, ricevuta del bonifico parlante, fattura, schede tecniche) devono essere conservati e portati al proprio commercialista o CAF in occasione della dichiarazione dei redditi e conservarla per almeno 10 anni.

Chi vuole approfondire l’argomento delle detrazioni fiscali per il risparmio energetico, può consultare la guida dell’Agenzia delle Entrate aggiornata al Settembre del 2017 (al momento della pubblicazione dell’articolo, sul sito non è ancora disponibile un eventuale aggiornamento per il 2018).

Vantaggi di investire subito in una schermatura solare

Come abbiamo visto, le schermature solari incrementano la vivibilità degli spazi interni ed esterni e permettono di risparmiare denaro grazie alla minor necessità di riscaldamento e condizionamento dell’aria.

A questo risparmio si aggiunge il recupero di ben il 50% della spesa grazie all’Ecobonus 2018. Negli anni precedenti la detrazione era stata del 65% ma anche il 50% costituisce un notevole recupero di denaro. La detrazione fiscale potrebbe ridursi ulteriormente nel 2019 (scendendo al 36%) quindi è bene non perdere l’occasione di recuperare la metà della spesa per schermature solari ed effettuare l’investimento entro la fine del 2018!

Considerando che le tende, pergole e schermature solari di Gani possono durare anche decenni, la spesa per schermature solari è un vero e proprio investimento che verrà recuperato sia in termini di denaro che di benessere!

In più Gani gestisce la pratica Enea per i suoi clienti ed offre, in caso di sostituzione completa della tenda, il ritiro gratuito dell’usato. Chiamaci subito per avere la tua tenda per interni o esterni realizzata a regola d’arte e venduta senza ricarichi di intermediari!

Per chiedere informazioni, scrivi nella chat dell’assistenza clienti

Puoi anche compilare il form contatti per richiedere un preventivo o una consulenza gratuita sulle schermature solari migliori per le tue esigenze!

Gani Tende